domenica 25 ottobre 2015

The Carrie Diaries recensione libro: dalle stelle alle stalle

The Carrie Diaries
Data di pubblicazione:2010
Autrice: Candace Bushnell
Prezzo cartaceo:16,50




Trama:
Carry Bradshaw non è ancora una scrittrice famosa, non ha ancora incontrato Samantha, Miranda e Charlotte e non vive ancora nella grande mela. Nel prequel del famosissimo Sex and the City, Carry è solo un'adolescente che frequenta il liceo con i suoi amici Maggie, Lali, Mouse e Walt, ad arricchire la storia però ci sono anche Sebastian, il primo amore di Carrie e la voglia della ragazzina di diventare scrittrice.


Recensione di Jessie ( con spoiler):

Se nella scorsa recensione ho cercato di essere molto oggettiva e distaccata, in questa credo che succederà l'opposto.
Nel 2011, The CW ci ha regalato una serie tv che considero un gioiellino: The Carrie Diaries. Questa serie tv ci mostra bellissime amicizie, una protagonista in cui mi immedesimo molto, piena di vita e voglia di fare e un primo amore quasi perfetto. Chi non ha voluto, almeno per un secondo, un Sebastian Kydd che attraversa l'America per farti una sorpresa? O uno che, nonostante tu lo abbia praticamente mandato a quel paese, resti a coprirti ( dato che ti sei addormentata sul divano) per paura che tu prenda freddo? O uno che... va bene, la smetto. Come avrete capito, io adoro Sebastian.
Dopo aver riguardato all'infinito quella serie tv, desiderosa di trovare una Carrie che mi spronasse come era successo nel telefilm, decisi malauguratamente di leggere il libro. Avete presente tutte quelle belle cose di cui vi ho parlato prima? DIMENTICATEVELE. Se avete amato la serie tv e vi capita il libro tra le mani, bruciatelo, perdetelo, di-strug-ge-te-lo, salvate il mondo da quell'oggetto maledetto.
Ora cerco di calmarmi. Inspira, espira, inspi.. okay, ci sono.
Ci ho messo due ore circa a leggerlo, quindi, forse, nella fretta mi sono persa lo spessore psicologico dei personaggi.
Questo, vi assicuro, è assolutamente inesistente: Maggie è una pazza un “ po' ” facilotta, Lali è una stronza, Walt è gay e vi assicuro che è l'unica cosa che lo caratterizza ( dove diavolo è il mio insicuro e dolce Walt?), Carrie è inutile, Mouse ancora più di Carrie e Sebastian è solamente un coglione.
Avete capito bene, del Sebastian della serie tv non c'è assolutamente nulla.
Quello che mi ha infastidito sin dall'inizio della lettura è stato il fatto che la migliore amica di Carrie fosse Lali; Lali è un'invidiosa, una vera stronza che non si comporta bene in nessun punto del libro. Perchè mai dovresti avere un'amica del genere? Ma Carrie non ha delle fette di prosciutto sugli occhi, lei ha direttamente un maiale.
Carrie comincia a uscire con Sebastian che la tratta un po' come ha voglia, e contemporaneamente si vede anche con un certo George, ma ad un certo punto la seconda relazione si chiude perchè lei ha occhi solo per Sebastian.
Carrie è in punizione, non può uscire per due settimane e cosa succede? Sebastian la tradisce con Lali, la migliore amica ( taratatttaaan *musichetta inquietante*). Lei si dimostra solo la stronza che è sempre stata non chiedendo nemmeno scusa e lui le da la ragione una spiegazione fantastica: “ She's nicer” e con questo intende che Lali gliela da.
E poi che fa il caro Sebby? Tradisce Lali con la sorella minore, così la povera e dolce Lali decide di presentarsi alla porta di Carrie in cerca di conforto. La risata sguaiata di Carrie era la mia in realtà.
Io ho letto il libro in inglese, quindi non so dirvi se in traduzione lo stile migliori, ma in lingua originale è pessimo. Non voglio chissà quali frasi filosofeggianti, ma un livello leggermente superiore a quello da seconda media con parolacce sarebbe da me gradito.
Non intendo dilungarmi di più perciò ecco il mio voto in stellette:

Voto:1


Nessun commento:

Posta un commento