martedì 8 dicembre 2015

Sul set di New Moon - Montepulciano

Ciao!
Oggi ho deciso di raccontarvi una delle mie prime imprese da fangirl nel lontano 2009.
Ho trascinato quel poveretto di mio padre a Montepulciano, Toscana, per le riprese di New Moon, il secondo capitolo cinematografico della saga di Twilight.
Già all'arrivo ho iniziato a saltellare come una matta a causa di tutte le mantelle rosse che girovagavano per la città, mi sembrava di essere finita in New Moon e in effetti era proprio così.
Poi però ho scoperto una cosa terribile: il centro storico era delimitato da minacciose transenne controllate da ancor più minacciosi ometti della security. La pizza in cui stavano girando era irraggiungibile.
Nell'ingenuità dei miei 12 anni sono andata da un gigante della security e, con la mia vocina da cupcake, gli ho chiesto di farmi passare. La sua risposta mi ha spiazzata: " Certo, sono proprio qui per far passare la gente!" Che insensibile.
Ma non potevo arrendermi. L'ho supplicato per circa mezzora, quando, scherzando, mi ha detto che mi avrebbe fatta passare se gli avessi trovato una caramella o un cioccolatino. Così ho chiamato mio papà e dieci minuti dopo, l'ometto mi faceva passare mentre appallottolava la carta di un cioccolatino kinder.
Jessie davanti al suo primo tentativo di corruzione.
Mi aveva fatto promettere  di non interferire con le riprese e ovviamente sono stata un angioletto.
Così, stando a lato, in mezzo a tutte quelle mantelle rosse ho assistito alla scena. Ricordo ancora perfettamente la mia felicità e l'eccitazione che provavo in quel momento. Kris correva verso Rob, Bella verso Edward.
A riprese terminate ho visto Kristen e Ashley fuori dall'hotel, Robert e Dakota in un bar, Charlie circa un centinaio di volte. Un sogno!
L'ultimo giorno di riprese, alle 5, è suonata la mia sveglia: "You are the music in me" versione Sharpay, e nel tempo impiegato da mio padre per capire cosa aveva fatto di male per meritarsi una figlia così sciroccata io ero già fuori dall'albergo con la mia meravigliosa maaglietta di Twilight. Ho atteso qualche ora davanti a quel maledetto hotel con la mia magliettina "Team Edward"e stavo per morire congelata. Segnatevelo da qualche parte: MAI appostarsi al mattino in maniche corte.
Una carinissima donna, che suppongo lavorasse per l'hotel, inteneritasi davanti alla  mia follia, ha fortunatamente deciso di farmi entrare e indovinate chi mi sono trovata nella hall(che era stata trasformata in una sala make up/parrucco?
Ashley Greene.
Sono morta sul colpo. Non sapevo cosa dire o casa fare, non me lo aspettavo assolutamente.
Si è avvicinata, mi ha offerto un cappuccino ( che odiavo, ma che ho bevuto in silenzio) e abbiamo fatto una foto con il telefono di papà.
Il giorno seguente sono stata al mio primo raduno, che porterò sempre nel cuore, dove ho conosciuto alcune delle mie più care amiche e infine sono tornata a casa con un pezzo della fontana e con la consapevolezza di voler andare a Vancouver. E così è stato, ma questa è un'altra storia.
Vi lascio qualche foto della mia avventura !

















Nessun commento:

Posta un commento