lunedì 13 giugno 2016

P.S. Ti amo ancora/ Jenny Han - Recensione

Buongiorno!
Come avrete notato mi sono presa una vacanza di una settimana dal blog, ma ora sono tornata e nonostante io abbia mille esami da dare, ho tanti post interessanti da farvi leggere.
 Qualche settimana fa vi ho recensito "Tutte le volte che ho scritto ti amo" e trovate QUI la recensione.
Ma ora parlaimo di "Ps. Ti amo ancora", il secondo volume della duologia/trilogia di Jenny Hann.



Voto: ♥   ♥   ♥   ♥

Trama

 Lara Jean non si aspettava di innamorarsi davvero di Peter. All'inizio era solo una recita per far ingelosire qualcun altro. E invece, alla fine, quello che fingevano di provare si è trasformato in una storia d'amore. Una storia vera, di quelle che possono spezzare il cuore. Naturalmente Lara Jean pensa che sarà lei a farsi male, che un giorno Peter tornerà con la sua ex. Poi però un ragazzo proveniente dal passato arriva a scombussolare le sue certezze. Una ragazza può amare due ragazzi? A volte innamorarsi è la parte più semplice dell'amore.

Recensione

Prima di cominciare devo avvertirvi che la recensione contiene spoilers del primo romanzo, quindi se non l'avete ancora finito, state alla larga da questo post.
Se invece  avete letto il primo volume un po' di tempo fa, forse è meglio dare una rispolverata insieme al finale.
Lara Jean per colpa di Josh litiga con Peter, ma una volta avuto il tempo di riflettere si rende conto che i suoi sentimenti per Peter sono ancora vivi e forti, così comincia a scrivere la sua prima vera lettera d'amore che intende finalmente consegnare.
"Ps. Ti amo ancora" si apre quindi con Peter e Lara Jean che cercano maldestramente di far funzionare la loro relazione, ma la dolce coreana è ancora troppo ingenua ed insicura per godersi appieno la relazione con il belloccio della scuola.
A complicare la già traballante situazione ci sono un video di un momento privato tra i due diffuso su internet, Genevieve, la ex di Peter che intende riprenderselo e il destinatario della quinta lettera, John Mc Claren.
Questo romanzo mi è piaciuto davvero tanto, a tratti di più e a tratti meno del primo. E' una storia molto dolce, forse più indicata per i più giovani, ma così leggera e tenera da poter essere apprezzata anche da chi ripensa nostalgico alle prime cotte .
Il mio unico  problema è che non sopporto Lara Jean. Sarà anche che non ho più l'età per i discorsi sulle cotte delle scuole medie, o semplicemente sono sempre stata un pochino più matura rispetto ai miei coetanei, ma Lara Jean non è cresciuta nemmeno un po' dall'inizio della  storia. Forse dipende solo da me perchè l'eccessiva ingenuità, timidezza e insicurezza mi danno spesso sui nervi, ma posso assicurarvi che durante la lettura ho alzato gli occhi al cielo ogni volta in cui il povero Peter non ha nemmeno potuto prenderle la mano per evitare una scenata.
Come la è stata nel primo romanzo, anche la salvezza del secondo è stata la presenza e la caratterizzazione dei ragazzi.
Ormai lo sapete, il mio cuore è tutto di Peter. Dal primo momento in cui è apparso ho perso la testa per lui, forse proprio perchè in fondo mi ricorda tanto il mio ragazzo.
Ai miei occhi ha un fascino ineguagliabile ed è così innamorato di Lara Jean che non ho dubitato di lui nemmeno per un istante, anche se Jenny Han ce l'ha messa tutta.
Se nel primo romanzo il suo rivale era Josh, qui abbiamo John che è ancora più adorabile. John Mc Claren è un ragazzo di altri tempi, le sue scene con Lara Jean sono le più romantiche della serie ed è l'unico in grado di tener testa a Peter.
A questo punto voglio proprio sapere il segreto di Lara Jean dato che è circondata da ragazzi meravigliosi.
Una delle cose che mi ha infastidita maggiormente del romanzo, però, è l'assenza di Josh. Nel primo romanzo Josh era una delle persone più importanti della vita di Lara Jean, mentre in questo appare una manciata di volte e la distanza tra di loro è palpabile e soprattutto molto triste. Spero che nel prossimo Jenny Han riesca a ritagliare nuovamente un posticino per lui.
La famiglia anche questa volta ha una parte molto  importante all'interno del romanzo. Mi è piaciuto vedere Kitty crescere e il papà delle Song alle prese con una nuova relazione, ma, nonostante nel romanzo precedente Margo non fosse esattamente il mio personaggio preferito, avrei voluto sapere qualcosa in più sulla sua vita in Scozia. Magari il prossimo libro sarà su di lei.
Non voglio spoilerarvi tutto il romanzo, ma se vi è piaciuto il primo e siete alla ricerca di dolcezza questo è il romanzo che fa per voi e lo divorerete come me in un giorno.

Buona lettura!




Nessun commento:

Posta un commento