lunedì 18 luglio 2016

Il diario di una tata- Recensione /Ciak

Buongiorno cinefili!



Voto:♥   ♥   ♥   ♥ (nel suo genere)

Oggi sono qui per parlarvi di una commedia che ho visto moltissimi anni fa per la prima volta, ma che ho in DVD e quindi rivedo piuttosto spesso perchè è terribilmente carino.

Questa volta siamo di fronte alla classica commedia americana leggera, per niente volgare e che non regala grasse risate ma semplici e dolcissimi sorrisi. Il diario di una tata è insomma un perfetto scaccia-pensieri.
Capirete molto presto il motivo per cui mi piace così tanto.

Scarlett Johansson è Annie, una giovanissima laureata pronta a tuffarsi nel mondo del lavoro. O meglio, dovrebbe essere pronta, in realtà Annie non sa ancora chi è o cosa vuole fare della sua vita.
Durante una passeggiata a Central Park, Annie si imbatte nel suo destino: biondo, tenerissimo, piccino e trascurato dai genitori. La nostra protagonista perciò decide di diventare una tata per una famiglia molto ricca di Manhattan e saremo anche lontani dalle passerelle, ma il nuovo boss di Annie non ha nulla da invidiare a Miranda Priestly.
Ci tengo a dire che la storia di questo film è prevalentemente quella di Annie e del piccolo Grayer, ma  io non riesco a non parlarvi di Chris Evans nei panni del classico ragazzo, bello bellissimo, ricco ricchissimo ma dal cuore buono  che vive nello stesso palazzo della famiglia X e perde la testa per la tata imbranata del piano di sopra. Non si può non innamorarsi di lui in questo film.



Scarlett e Chris sono il mio guilty pleasure, insieme mi fanno impazzire e in questa pellicola sono assolutamente adorabili.



Mi è piaciuto molto vedere Scarlett, solitamente molto sensuale, nei panni di una semplice e goffissima neo laureata e devo anche confessarvi che potrei essermi commossa una volta o due nelle sue scene con il bambino.



Non sarà un filmone da vedere ad ogni costo, ma è un film senza troppe pretese, da vedere durante una serata in famiglia e che ti manda a letto con il sorriso stampato sulle labbra.
D'altronde cosa c'è di meglio della tata che con la sua spontaneità e con il suo amore riesce ad aprire gli occhi ai genitori più insensibili?


2 commenti:

  1. Ma sai che ancora non l'ho visto, devo recuperarlo!! Mi sembra molto tenero e decisamente poco impegnativo! Perfetto per la sera post lavoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tenerissimo, Clary! Vai sul sicuro con questo

      Elimina