giovedì 7 luglio 2016

Pretty Little Liars 7x03 - Antonio Commenta




Finalmente una puntata come si deve che va al di là della premiere o dei vari finali di stagione! Il fatto che non siano puntate evento non vuol dire che non debba succedere nulla. Sembra quasi essere ritornati ai tempi della prima stagione. Quest'episodio non solo è stato utile per la trama principale, ma ha anche dato una scossa agli eventi che, da qualche anno, avveniva soltanto negli episodi che aprivano o chiudevano la prima e la seconda parte di stagione. Ho apprezzato il fatto che le Liars, insieme, si siano messe all'opera per scoprire la verità su Elliott. Tutto questo SENZA sciropparci scene insulse con i vari ragazzi che devono fare sempre i principi azzurri della situazione. Vi dirò di più, non mi hanno infastidito nemmeno le scene con Toby e Yvonne, nonostante non c'entrassero nulla con la trama principale; questo perché hanno fatto sì che Toby fosse presente nell'episodio senza appesantirlo con i vari pipponi inutili a cui siamo stati abituati. Caleb è stato insulso come al solito, però non è stato così dannoso proprio perché, ripeto, queste scene sono state collocate in modo che l'episodio scorresse senza ostacoli. Io vorrei sottolineare come anche Aria si sia data da fare; anzi, è stata proprio lei a prendere l'iniziativa su Elliott. Guarda caso, proprio quando non c'è Ezra (Marlene gratias). Sempre detto: sono le scene nauseanti con Ezra a rovinare Aria. A quanto pare, Elliott non è il vero nome del dottor Rollins, visto che un tizio con quel nome e cognome ha avuto una multa decenni fa e, per questioni fisiche, dovrebbe essere un po' più vecchio, no? Quindi, dovrebbe esserci stato un furto d'identità oppure si tratta semplicemente di un caso di omonimia (conoscendoli, non credo proprio). Grazie alla piccola Georgie della situazione, Hanna ed Aria sono venute a conoscenza del rapporto tra Charlotte e Elliott. Purtroppo non sapremo nulla da lui, visto che è schiattato. Una gran perdita per il fandom di PLL, davvero. MA VA! Ecco, una cosa che non mi piace di PLL è il fatto che debbano sempre schiattare personaggi poco presenti o poco amati dal fandom. Chiariamoci, non è che sia necessario far fuori personaggi primari a raffica per suscitare emozioni contrastanti, però è anche vero che siamo arrivati ad un punto in cui debbano fare una brutta fine sempre i cattivoni, quando ci sono sempre stati i vari antagonisti contro le Liars (pazzi, squilibrati, assassini): guarda caso, i compagni delle Liars sono ancora vivi, nonostante l'odio immenso provato nei loro confronti da parte dei vari A, B, C. Mi piacerebbe che gli sceneggiatori osassero di più, ma va bene così. L'importante è che in quest'episodio sia successo qualcosa. Tra l'altro, c'è stato un parallelismo assurdo con Hanna. Hanna fu investita da Mona nella 1x10 e stava per investire Mona nella 2x25. Per di più, tale madre, tale figlia: Ashley investì Wilden nella 3x20. Amo i parallelismi. Cosa succederà, ora? Questa volta le Liars l'hanno fatta grossa. Hanna ha ucciso Elliott involontariamente e, come se questo non fosse già sufficiente, seppelliranno pure il corpo. Ne vedremo delle belle, di sicuro! Finalmente si sono ricordati di citare anche Jason. È stato lui a chiamare Spencer, quindi spero che, una volta ritornato a Rosewood, ci siano scene Spason. Per ora, Jason è impegnato a fare volontariato in Etiopia. Attendo il suo ritorno. Dobbiamo parlare di Jenna? PARLIAMONE. Nel promo si vede che farà la sua vecchia entrata trionfale e teatrale come in passato. Io non vedo l'ora che ritorni. Ahimè, dobbiamo ancora attendere, dato che mi sembra che dovrebbe ritornare nella 7x05. Possiamo aspettare. Jenna, ci manchi! Sì, l'episodio mi è piaciuto e spero che la stagione si mantenga su questo ritmo, senza appesantirsi con scene inutili e noiose come la 7x02.

Nessun commento:

Posta un commento