lunedì 7 novembre 2016

The Boy Band di Goldy Moldavsky - Recensione

Buongiorno personcine!
Oggi voglio parlarvi di The  Boy Band, edito De Agostini (Rilegato a 14,90 )


Image result for the boy band libro



Voto: ♥   ♥   ♥ 1/2


Trama
Hadley ha quindici anni e una vera ossessione per i Ruperts, la boy band del momento. Ecco perché, insieme alle sue tre amiche del cuore, affitta una stanza nello stesso hotel di New York in cui alloggerà il gruppo. Spera di poter incontrare i suoi idoli. Le cose però prendono una piega del tutto inaspettata quando una delle ragazze incrocia per caso Rupert P., il membro meno amato della band, ma pur sempre il suo preferito. Incapace di contenere l’entusiasmo, gli si getta al collo con tanto slancio che finisce per tramortirlo.
In un attimo, il poveretto si ritrova nella camera delle fan, legato e imbavagliato. Il suo telefonino sequestrato e tutti i suoi segreti nelle mani avide delle quattro amiche. Hadley però si sente in colpa ed è pronta a tutto per liberarlo. Anche a rischiare il carcere o, peggio ancora, a litigare con le amiche. Per chiarirsi le idee lascia la stanza per pochi minuti, pochi minuti soltanto. Ma al suo rientro il cantante è morto.
Tutte e tre le amiche si dichiarano innocenti, eppure… Hadley sa che non può più fidarsi di nessuno. Così, in una lunga notte piena di colpi di scena, dovrà prendere la decisione più difficile della sua vita: tradire le amiche e confessare tutto, oppure tradire il grande amore – i Ruperts – e farla franca.

Recensione

Parto con il dire che, secondo me, nessuno ha davvero capito questo libro. O forse sono solo  io a vederci troppo. Quindi oggi per voi voglio essere Jessie la visionaria.
La prima volta in cui ho letto la trama di questo romanzo ho riso per 5 minuti buoni perché mi sembrava super trash (trash consapevole e positivo) e se solo la trama era in grado di farmi ridere così, lo dovevo leggere assolutamente.
Poi il libro è arrivato e ragazzi, è stato come entrare nella mia stanza. Proprio così, la mia stanza è completamente nera e fucsia, in tinta con la copertina del romanzo.
Ovviamente mi ci sono fiondata e dopo qualche capitolo è arrivata l'illuminazione, o il momento di follia. Come preferite.
 Per me dietro alla facciata da classica fan fiction di wattpad  si cela una riuscitissima parodia, a tratti molto dark, del mondo delle fangirls.
Ma procediamo con ordine.
Hadley, Apple,  Erin e Isabel si sono conosciute grazie ai Ruperts, la loro band preferita, e ora si ritrovano a dividere una stanza nell'hotel in cui alloggiano i componenti della band nella speranza di incontrarli. Le cose si complicano quando le ragazze decidono di rapire Rupert P., il membro più più antipatico e meno talentuoso della band. Come se  non fosse abbastanza, dopo essersi assentata per un po', Hadley, al suo ritorno,  trova Rupert P. morto , ma nessuna delle sue amiche vuole dichiararsi colpevole. Sarà davvero così? Sarà stata una delle sue amiche ad averlo ucciso?
 Fino a che punto sono disposte a spingersi delle semplici fans?
Come già sapete non sono una grande appassionata di musica, ma simpatizzo per i One Direction e conosco molto bene sia il loro fandom che quello dei 5 seconds of summer.
Non sarò una patita di boy bands ma sono una fangirl ( non una di quelle pazze), quindi conosco molto bene la follia delle mie "colleghe" e tutto ciò che l'essere fangirl comporta.
Le protagoniste sono tutte molto diverse, unite solo dal loro amore per i Ruperts. Tanto che ben presto si scoprirà quanto sia debole in realtà il loro legame.
Erin è quella sexy e sicura di sé, Isabel è quella folle ai limiti della cattiveria, Apple è quella insicura e un po' stupidotta e infine Hadley è quella più assennata. Grazie al cielo, almeno una!

Prima di tutto vorrei dirvi che l'autrice non è una sprovveduta, è sicuramente ben informata sui comportamenti della parte marcia di ogni fandom. Cita i siti su cui io stessa leggo le notizie, cita gli insulti alle fidanzate dei membri della boy band (un classico), parla del merchandising, degli appostamenti, dei piani e delle fantasie di queste ragazze.  Quindi niente viene lasciato al caso, e il ritratto che ne vien fuori è assolutamente realistico e a volte un po' triste e spaventoso.
Forse è meglio specificare che non condanno il fangirling (sarei giusto un pochino ipocrita), e non lo fa nemmeno l'autrice. Quello che qui viene preso in giro è la maleducazione, gli eccessi, la cattiveria e la follia di quella parte tremenda che ogni fandom purtroppo ha.
La band è chiaramente un mix tra i One Direction e i 5SOS, e lo si capisce sia dalla descrizione dei membri della band,  da alcuni avvenimenti citati nel romanzo,  dal fandom e infine anche  dal modo in cui la band si è formata.


Per apprezzare davvero questo libro bisognerebbe conoscere, anche superficialmente, le dinamiche dei vari fandoms, non per forza delle boy bands.
Quindi  vorrei sicuramente consigliarvi il libro, ma cercate di andare oltre le apparenze, perchè non è solo una fan fiction scontatissima, ma uno spaccato esagerato, ma piuttosto accurato, della società contemporanea, e una rappresentazione simpatica di  quella parte folle e marcia che ogni fandom ha.
Della serie "Ridiamoci su che è meglio!"
C'è tanto altri di cui vorrei parlarvi, ma forse è meglio che  lo scopriate da soli.




Bacini <3

1 commento:

  1. Pensavo fosse una stupidata,ma ora mi hai incuriosita. Lo leggerò di sicuro!

    RispondiElimina