giovedì 4 maggio 2017

Intervista a Richelle Mead - The Glittering Court e Vampire Academy

 Buongiorno lettori!
Oggi sono qui per proporvi l'intervista a Richelle Mead fatta in compagnia di Selly di Leggere Romanticamente e Fantasy, Sabry di Il Libro Fatato e Anita di L'Ora del Libro.



Image result for richelle mead

Ero terribilmente emozionata, ma capitemi, dovevo intervistare un'autrice che amo via Skype e per giunta su un palco.
Abbiamo amato tutti la serie di Vampire Academy, ma è tempo di lasciare i nostri amati vampiri per conoscere i nuovi personaggi della serie The Glittering Court che vi ho recensito QUI.
Anita ha moderato l'incontro splendidamente rendendolo sicuramente più interessante. Io purtroppo, per motivi di tempo e spazio, sono costretta a tagliare i suoi interventi, ma dovrebbe uscire un video in cui potrete ascoltare anche la sua voce meravigliosa.

Vi lascio all'intervista!





Come è nata la serie The Glittering Court? 
Ho sempre amato il genere fantasy, Vampire Academy è stato divertente da scrivere perché si divide tra il mondo reale e quello fantasy. Quando invece ho iniziato a pensare  ai tre libri di questa serie ho voluto inserire qualcosa del  mondo medievale e del fantasy in generale, ho scelto però di ambientarlo in qualcosa che potrebbe essere riconoscibile come a metà tra l'Inghilterra elisabettiana e l'America delle colonie.
Volevo parlare di donne forti, personaggi femminili che possono indossare abiti sfarzosi ed eleganti pur  essendo molto forti.


The Glittering Court è una trilogia che avrà come narratrici 3 diverse ragazze. Come mai questa scelta?
Volevo solo creare qualcosa di diverso. Quelle raccontate nei libri sono delle storie complete, tre storie autoconclusive, non sono seguiti del primo, si muovo tutti e tre all'interno della stessa linea temporale. Potete leggerli nell'ordine che volete perché nel primo ho omesso dettagli importanti su quello che stava succedendo alle altre due. Leggendo il primo si notano queste stranezze e le sparizioni inspiegabili, ma il lettore si concentra su Adelaide e si dimentica. Leggendo anche gli altri tutto quadrerà. Ora sto scrivendo il terzo libro ed è divertente ma anche molto difficile riscrivere le stesse scene da punti di vista diversi.






 Sebbene la storia si svolga in luoghi da te inventati, sono riconoscibili l'Inghilterra elisabettiana e l'America delle colonie. Come mai questa scelta temporale?
La prima ragione è perché non sono molto utilizzati nel fantasy, ma a me sembrano molto interessanti. Inoltre, la Corte Scintillante è una sorta di scuola per trasformare  ragazze povere in donne sofisticate per poi darle in  sposa ai ricchi coloni del Nuovo Mondo, è proprio quello che è successo nella nella storia americana, è successo veramente, esistevano compagnie che vendevano le donne ai coloni che erano alla disperata ricerca di una moglie. Quindi il mio romanzo è una versione più scintillante della realtà.

 Quanto ti rispecchia Adelaide? Quanto di lei c'è in te?


È una domanda difficile, inserisco qualcosa di me stessa in tutti i miei personaggi, ma non riesco ad pensare a un'unica caratteristica che che ho in comune con  Adelaide. Sicuramente Adelaide è più affascinante di me, è brava a sopravvivere, è molto brava con le persone a differenza di me. 
Forse m rivedo in lei nel modo di risolvere i problemi, di cercare a superare le difficoltà. 
Non inserisco solo caratteristiche di me stessa, ma anche di altre persone che conosco e dettagli o episodi che mi capita di vivere nella vita reale.

 Hai un personaggio preferito all'interno della serie? Chi?
Non lo so, sarebbe come scegliere tra i propri figli! Ho finito di scrivere il secondo volume e la protagonista è Mira, forse è proprio perché è ancora fresca nella mia mente, ho appena finito di scrivere di lei, ma ora direi che è Mira la mia preferita. È un personaggio d'azione e anche lei è intelligente. Adoro la sua storia d'amore, non so come spiegarlo, ma vi piacerà!



 Noi ora conosciamo la storia completa di Adelaide, però ci mancano quelle delle altre due ragazze. Quale delle tre protagoniste compie un cambiamento maggiore?
Tutte le ragazze devono crescere nel corso della serie o almeno provo a farlo. Cambiano tutte. Adelaide  ha un background completamente diverso, quindi prima della fine del libro deve sporcarsi le mani. Mira nell'arco del secondo libro cambierà idea sull' amore. E poi c'è Tamsin e finalmente potrete capirla, per tanti lei è solo molto  ostinata, spesso non piace, nel terzo conoscerete le ragioni dietro alle sue scelte e probabilmente riuscirete a comprenderla di più.  Alla fine del libro però Tamsin capirà anche che i soldi non sono la cosa pi importante al mondo, c'è molto altro là fuori.





Hai mai incontrato i tuoi personaggi in sogno?


No, non li ho mai incontrati. È successo ad alcuni miei amici scrittori, ma a me no. Li controllo, quindi la volta in cui sono andata più vicina a incontrare i miei personaggi è stato sul set di Vampire Academy.


  In questo romanzo parli anche di religione. Ti sei ispirata a qualche mito particolare?
Ho studiato religione e mitologia al college, inoltre trovo l'argomento molto interessante. In questo primo libro l'ispirazione viene dalla cristianità e dagli inizi, dal quinto secolo. Non voglio annoiavi entrando nello specifico però. È davvero difficile avere a che fare con le religioni, e quello che volevo far emergere con The Glittering Court è che se qualcuno crede a qualcosa di appena appena differente viene condannato, nonostante si conservino le buone intenzioni. 


 C'è un messaggio di fondo che vuoi mandare alle lettrici con questa tua trilogia?
Volevo dimostrare quanto le donne possano essere forti a prescindere da chi siano o da dove vengano. La forza delle mie eroine non è solo fisica, non che ci sia nulla di male nel difendersi, ma è soprattutto l'amore per le persone che hanno vicino. 


 Come mai hai scelto il tema delle pietre preziose?
Non me l'avevano mai chiesto. Semplicemente calzava a pennello, è un tema sfarzoso e elegante proprio come il mondo in cui vivono le ragazze del mio libro. Perciò il collegamento con i gioielli è stato immediato. 


Nella maggior parte delle storie che siamo abituate a leggere è la donna di classe inferiore a innamorarsi di un principe oppure di un uomo ricco e importante. Qui avviene il contrario e Adelaide non ci pensa due volte a rinnegare il suo titolo. Quindi vorrei sapere, se Adelaide fosse stata a conoscenza fin dal principio di tutti i guai a cui sarebbe andata incontro, sarebbe comunque scappata?
Penso che rifarebbe tutto allo stesso modo ancora una volta, nonostante sia stato difficile.  Adelaide all'inizio del libro  ha  una vita  sfarzosa, però lei  si sentiva in trappola, non poteva decidere della propria vita e non aveva l'amore. Quando troverà l'amore infatti si renderà conto di aver fatto la scelta giusta. Per cui, nonostante sia difficile, rifarebbe comunque la stessa scelta. 





Se dovessi dare un volto ai protagonisti di The Glittering Court, chi sceglieresti?
Adelaide nella mia testa somiglia a Keira Knightley.  Per Mira sicuramente Emeraude Toubia della serie TV Shadowhunters, mentre per Tamsin la fidanzata di Jon Snow in Game of Thrones (Rose Leslie). Per Cedric invece non lo so proprio, ci penserò!




Intervistare Richelle Mead è stato un sogno, sicuramente uno di quei momenti che mi fa ringraziare il giorno in cui ho deciso di aprire il blog. Voi cosa vorreste chiederle? Avete letto qualcosa di suo?

Bacini <3

Ps. Io lo dico sempre che vestirmi di rosa mi porta fortuna!

1 commento:

  1. Richelle è una delle mie autrici preferite, sono contentissima di aver partecipato attivamente a questo evento! <3
    W il rosa! ;)

    RispondiElimina