giovedì 4 maggio 2017

"The Glittering Court" di Richelle Mead - Recensione

Image result for the glittering court

Voto: ❤ ❤ ❤ 

Trama



Per un gruppo selezionato di ragazze la Corte Scintillante (The Glittering Court) rappresenta l’opportunità di conquistare una vita che finora potevano solo sognare, una vita fatta di lusso, glamour e ozio. Per l’aristocratica Adelaide, costretta dalla sua famiglia nobile, ma ormai decaduta, a un matrimonio d’interesse, la Corte Scintillante rappresenta qualcos’altro: l’occasione di pianificare il proprio destino e di avventurarsi in una nuova terra ricca e incontaminata al di là dell’oceano. Dopo un incontro fortuito con l’affascinante Cedric Thorn, Adelaide si spaccia per una cameriera. Tutto comincia a sgretolarsi quando Cedric scopre lo stratagemma di Adelaide e questa viene notata da un giovane governatore molto potente, che vuole sposarla. La fanciulla non si è lasciata alle spalle la gabbia dorata della sua vecchia vita solo per diventare di proprietà di qualcun altro. Ma a essere davvero sconvolgente – o meravigliosa – è la fortissima attrazione proibita tra Adelaide e Cedric, che, se assecondata, li renderebbe due emarginati in un mondo selvaggio, pericoloso e inesplorato, e forse ne causerebbe perfino la morte.


Recensione

La Corte Scintillante è un'organizzazione che recluta cameriere, lavandaie, ragazze di bassa estrazione sociale per trasformarle in signore altolocate, perfette per essere prese in moglie da ricchi donatori d'oltre oceano. Per molte è un modo per fuggire dalla povertà e da una vita di stenti, per la nostra Adelaide è l'unico modo per essere libera. La protagonista della storia è una contessa che, per sfuggire a un matrimonio combinato, si finge una cameriera e fugge trasformandosi in una delle aspiranti signore della Corte Scintillante. Il reclutatore, figlio del proprietario della Corte Scintillante, è Cedric Thorn un affascinante studente universitario che ha il disperato bisogno di accaparrarsi una grossa somma di denaro per essere a sua volta libero. Adelaide viene notata dal futuro governatore che offre un'ingente somma per sposarla. Sarebbe perfetto, Adelaide avrebbe una vita agiata e Cedric grazie alla sua commissione sarebbe finalmente libero, peccato che i due siano  follemente innamorati.
Presto la storia cambia completamente scenario, portando i nostri protagonisti in terre selvagge e pericolose in cui ci si può fidare solo di se stessi.
Chi non conosce Richelle Mead? Spero non voi, altrimenti MALE, MOLTO MALE. Ho amato l'Accademia dei Vampiri e mi ha tenuto compagnia per moltissimo tempo, quindi non stavo nella pelle, dovevo proprio leggere questo romanzo. 
Prima di tutto bisogna parlare dell'ambientazione che ricopre un luogo in primo piano all'interno del romanzo. Sebbene i luoghi siano inventati dall'autrice sono chiaramente riconoscibili l'Inghilterra elisabettiana e l'America delle colonie. Se del primo luogo ho letto tanto (sempre con piacere), del secondo leggo molto meno, posso contare sulle dita di una mano i libri che ho letto ambientati nell'America coloniale, quindi è stata una piacevole sorpresa.
Queste ragazze vengono esposte e vendute come bestiame al miglior offerente, anche se loro hanno sempre l'ultima parola sulla scelta (non senza qualche pressione). Alcune di loro si sentono a disagio, altre farebbero qualsiasi cosa pur di non lavare mai più un pavimento.
La somiglianza con The Selection è evidente, ma non eccessiva, risulta comunque originale grazie alla piega che prende la storia nella seconda metà. 
Vi innamorerete di Cedric, sognerete gli abiti sfarzosi della Corte Scintillante e tratterrete il respiro davanti ai cambiamenti improvvisi della trama. 
Adelaide non è sola, Tamsin e Mira, le sue migliori amiche la accompagneranno in questo viaggio, rimanendo in disparte circondate da un'alone di mistero. Ma non preoccupatevi, non è una scelta casuale! The Glittering Court infatti è solo il primo di una trilogia fissa nello stesso arco temporale. I due volumi successivi non saranno dei seguiti perché la storia di Adelaide si è conclusa, ma torneranno all'inizio della storia raccontando i fatti dal punto di vista di Mira e infine di Tamsin. La curiosità mi sta divorando perché Richelle Mead è stata bravissima a nasconderci una serie di fatti importanti e segreti succulenti sulle due ragazze tenendoli in serbo per gli altri due volumi.
Per me è un sì. Voi cosa ne pensate?


Potete leggere QUI la mia intervista all'autrice!

1 commento:

  1. Ciao Jess
    Come genere e storia mi attira molto, quello che però non mi convince è il prezzo. Quando ho visto l'ebook a €11,90 mi è preso un colpo >.<

    RispondiElimina