"Le Nemiche" di Carla Maria Russo - Recensione


Image result for le nemiche di carla maria russo

Voto:❤ ❤ ❤ ❤

Trama


Quando Isabella d'Este scopre che suo padre, il duca di Ferrara Ercole I, ha scelto come moglie per l'erede al trono la donna più discussa della penisola, Lucrezia Borgia, figlia bastarda del papa, già sposa di due mariti, il primo ripudiato, il secondo ucciso in circostanze ambigue, il suo animo ne resta completamente sconvolto. La figlia di una tenutaria di bordello, come amava definirla, non può mischiare il suo sangue con quello purissimo e regale degli Este.
Accolta con freddezza e disprezzo da tutti,  Lucrezia, donna di fascino e di straordinaria bellezza, amante del lusso e del divertimento, riesce tuttavia a guadagnarsi i favori di almeno una parte della corte ferrarese, in particolare dei giovani e affascinanti fratelli di Isabella, attratti dalle feste memorabili e dalla folta schiera di damigelle di cui si circonda, fra le quali brilla l'astro della irresistibile Angela Borgia.
Questo successo genera fra le due donne una ostilità ancora più marcata e nuovi e più accaniti contrasti, che culminano con il tentativo da parte di Lucrezia di umiliare la rivale nella sua femminilità, portandole via un affetto a lei molto caro.
Ma la marchesa di Mantova, donna di impareggiabile classe, cultura e acume, abile e scaltra più delle sue stesse spie, non è persona da lasciare impuniti gli oltraggi subiti e la sua vendetta sarà feroce e implacabile.
Intorno a queste due donne indimenticabili, gli intrighi, i tradimenti, le congiure che dilaniano due fra le più potenti corti del Rinascimento, ma anche gli amori travolgenti e impossibili, forieri di stragi e tragedie familiari.
Il prezzo della sopravvivenza coincideva con la rinuncia definitiva al sogno
di amare ed essere riamata. Questa, la vendetta di Isabella d'Este.
Questo, l'amaro destino cui Lucrezia Borgia non sarebbe mai sfuggita.
                                        Recensione

I romanzi storici non sono esattamente il mio pane quotidiano, anche se a pensarci bene sono una lettrice onnivora e tutti i romanzi storici che sono passati tra le mie mani mi sono piaciuti moltissimo. Pochi ma buoni insomma.
Ho iniziato la lettura ovviamente avendo già incontrato queste grandi famiglie e nomi tra i banchi di scuola, ma come purtroppo spesso accade, le mie conoscenze erano molto superficiali.
Il romanzo di Carla Maria Russo si apre con Isabella d'Este, la primadonna d'Italia, amareggiata alla scoperta che il padre, accecato dalla propria avarizia, ha scelto come moglie di Alfonso, erede al trono, Lucrezia Borgia, figlia del papa e della tenutaria di un bordello. Donna estremamente discussa e amante del lusso sfrenato, Lucrezia non è particolarmente scossa dal disprezzo che trova ad attenderla presso gli Este, perché per lei questo matrimonio è quasi un miracolo. Allontanarsi dal padre, che pur dicendo di amarla non ha mai esitato a usarla come merce di scambio per i suoi piani, è una gioia abbastanza grande da farle dimenticare ogni freddezza. Presto Lucrezia riuscirà a trovare il suo posto e a attirare consensi trasformando la corte in un luogo di feste incredibili, spesso luogo di intrighi e innamoramenti che portano spesso a fini tragiche.
Nel corso degli anni l'inimicizia tra le due non fa che aumentare tramutandosi infine in odio sfrenato.

Come dice la stessa Carla Maria Russo, la storia è di per sé abbastanza ricca di eventi da non esserci il bisogni di inventare. Questo romanzo è ricco di colpi di scena, sentimenti potenti e incredibilmente reali e attuali. Al centro di tutta la narrazione ci sono due donne incredibili, ma molto diverse. E è anche questa diversità, accompagnata da sentimenti forse sciocchi ma umani e prettamente femminili, ad aver dato inizio a questa antipatia iniziale. Con il passare del tempo questo rapporto non ha fatto altro che peggiorare e infine anche del sangue verrà versato.
Intorno alla storia di questa inimicizia c'è la storia che si compie, ci sono matrimoni, feste memorabili, tradimenti e anche tragedie. Una in particolare ha toccato il mio cuore catturando gran parte della mia attenzione durante la lettura.
Carla Maria Russo è una scrittrice e una donna straordinaria, è riuscita a rendere perfettamente godibile e attuale un pezzo di storia italiana. Incontrarla non ha fatto altro che rafforzare l'idea che mi ero fatta di lei quindi se volete scoprire qualcosa in più sul nostro incontro vi lascio QUI la nostra chiacchierata.



Nessun commento:

Powered by Blogger.