Noi siamo tutto - Recensione Film

Ciao a tutti! Oggi siamo qui per fare due chiacchiere su “Noi siamo tutto” il film diretto da Stella Meghie e tratto dal romanzo di Nicola Yoon.
Image result for noi siamo tutto poster


Parto con il dire che tutti hanno parlato di questo romanzo per più di anno. Parliamo quindi di un libro chiacchierato e amato da tantissimi adolescenti che io ammetto di non aver letto. Volevo leggerlo, ma alla fine è stato accantonato, superato da una lista di libri infinita che mi incuriosivano molto di più.
Ho guardato quindi il film sapendo poco e niente di questa storia, pronta a passare una serata carina ma senza troppe aspettative. E così è stato.
Maddy, interpretata da Amandla Stenberg conosciuta per aver interpretato la dolcissima Rue in Hunger Games, ha 18 anni ma non conosce il mondo. Non è mai stata baciata, non ha mai visto l'oceano e non può lasciare la casa moderna, sterilizzata e immacolata in cui è confinata.
Maddy è affetta da SCID quindi il suo sistema immunitario non è in grado di difenderla da normalissime infezioni. Un passo fuori casa potrebbe ucciderla.

Image result for everything everything stills


La vita di Maddy cambia improvvisamente quando Olly (Nick Robinson), un adolescente attraente e dal ciuffo da rockstar, si trasferisce proprio davanti alla casa della ragazza. La relazione tra i due inizia a crescere lentamente, prima solo tramite messaggi poi con incontri man mano meno prudenti. Uscire di casa potrebbe ucciderla, ma a Maddy quelle quattro mura non bastano più.

Image result for everything everything stills

Per seguire la fortunata scia di “Colpa delle stelle” numerosissimi autori si sono buttati negli ultimi anni nella scrittura di storie drammatiche, adolescenti gravemente malati che scoprono la vita e dimenticano il buon senso per amore. Noi siamo tutto è uno di questi e nonostante le ovvie differenze, penso di essere satura, al meno per il momento, di questo tipo di storie.
Tuttavia, direi che il film è sicuramente piacevole, mi ha intrattenuta e addirittura sorpresa. Datemi dell'ingenua ma non avevo messo in conto il colpo di scena. Ad essere sinceri, il mio ragazzo lo aveva ipotizzato durante la visione, ma l'avevamo presa sul ridere perché non pensavamo che la storia volesse prendere quella direzione. Ovviamente mi sarebbe piaciuto venisse approfondita questa parte, sicuramente la più interessante del film,  ma così non è stato quindi bisogna accontentarsi di quel che si ha.
Ho apprezzato in particolar modo la scelta della regista di rendere “fisiche” le conversazioni telefoniche dei due ragazzi. Mentre i due ragazzi si scambiano messaggi veniamo trasportati in una rappresentazione fantastica di un modellino creato da Maddy in cui i due ragazzi possono incontrarsi dando modo agli attori di interagire fisicamente.
La bellezza di Amandla mi ha incantata e l'ho trovata perfettamente a suo agio nei panni di Maddy, ma il personaggio di Olly è caratterizzato piuttosto male. Viene definito solo dall'amore per Maddy, il suo personaggio è lì solo in funzione della ragazza, ma non ha una caratterizzazione vera e propria.
Come ho già detto il film mi è piaciuto, è carino, ma nulla di indimenticabile. Piacerà tantissimo a un pubblico molto giovane e prevalentemente femminile, ma potrebbe essere apprezzato anche da qualche altro cuore tenero. Non avendo letto il libro non sono in grado di fare un confronto, ma dai commenti letti in rete il film non dovrebbe discostarsi troppo dal romanzo.
Una bella storia d'amore adolescenziale che poteva essere qualcosa di più, ma che risulta comunque una pellicola dolce e godibile.

Voi lo avete visto? Cosa ne pensate?



1 commento:

  1. Io, come Riccardo, ho indovinato a metà film il finale. La mia amica continuava a percularmi durante la visione ma ci ho preso alla fine. Speravo non fosse la solita cosa smielata e brutta copia di Colpa delle stelle.
    Intrattiene bene ma niente di eccezzionale comunque.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.